Assenza

Restio il sonno.
Il suono cupo del piede nudo.
Grida nel silenzio.
Rumori ovattati.
Lei che non lo sa dire.
Io che non lo so capire.
Il silenzio.
La vergogna.
Il giorno.
La notte.
Aspiro l’assenza.
Espira l’essenza.
Una preda impaurita.
Fugge all’umiliazione.
Scappa da tutto.
Chiude gli occhi alla vita,
riapre questi nel buio.
Senza dare senso a nulla.
Il peso della paura.
Io non voglio essere così.

Annunci

Sangue impoverito

Ogni stilla del tuo sangue
Mi arriva impoverito
Quel Che un tempo,
in frivola abbondanza,
Il mio cuore fragile,
di carta asciutta,
assorbiva con ignoranza.
Penso a quando, falsamente,
me ne sono impregnata
e mi sentivo annoiata
anziché custodire ogni goccia come ultima.

F. Q.

Illusioni

Ho creduto che i nostri sguardi,

ormai fottutamente spenti,

potessero guardare all unisono un’altra alba

Volevo che Quel miserabile caffè potesse odorare ancora di mattino.

Ero finita e usurata dall attesa di quel bacio mai ricevuto,

ho sbagliato e voglio solo convincermi a maturare l’estinzione delle tue mani .

Letale

Una lama affilata mi attraversò il torace cosi rapida e indolore che mi ritrovai avvolta dal fango prima che i miei occhi potessero battere ciglio. Un frastuono ridondante si fece largo nella mia testa facendomi quasi dimenticare chi, con veemenza, mi avesse colpita ; credevo che la mia vita fosse finita,
ma un vento bastardo mi riportò sul terreno .
Mi specchiai nella pozzanghera che mi era accanto ma non vidi il riflesso , non mi riconobbi.
Ero diventata il pubblico della mia stessa opera teatrale.
In realtà chi mi colpí fu colui che più mi conosceva: un essere letale formato dai miei sbagli.

La felicità

Ed è esattamente quando vorrei un amore come i miei nonni che la gente lo considera antico e obsoleto.

Il fatto di volersi perdere nelle braccia di chi si ama alla follia non è di certo antiquato, ma probabilmente è la vera ricerca interiore che tutti dovrebbero fare.

Siamo in un’epoca differente, in cui si crede di essere emancipati e liberi, ma sprechiamo la nostra occasione di essere felici nella ricerca ostentata di qualcosa che non arriverá mai, perché semplicemente l’avevamo sotto il gli occhi e non l abbiamo osservata, ma l avevamo anche sotto il naso e l abbiamo sniffata per poter godere di qualche ora di felicità a discapito di una vita passata a cercare l’ombra nel buio.